Vai al contenuto

Festival del cinema, tre motivi per andare a Venezia

Quest’anno alla mostra del cinema non ci vado e mi manca già, sia nelle cose belle che in quelle che lo sono un po’ meno. Andateci voi, se potete: vi spiego perché e come.

Continua a leggere

Camminare nella valle del Silla

Sui monti fra Bologna e Firenze, lungo i sentieri dei contrabbandieri, sfiorando i luoghi amati da Tiziano Terzani ed Enzo Biagi

Continua a leggere

Camminare ad Amorgos

Ti allontani a piedi dal mare ed entri nel cuore selvaggio di Amorgos, il gioiello segreto delle Cicladi. Secondo capitolo dedicato all’isola del Grande blu: dopo le spiagge scopriamo che è anche perfetta per camminare. Ci accompagnano due esperti

Continua a leggere

Il grande blu di Amorgos

Le spiagge e il mare di una delle meno conosciute, ma più belle, fra le Cicladi. Se avete voglia di blu potete anche solo ‘guardare le figure’, c’è da rifarsi gli occhi.

Continua a leggere

Due giorni a Santorini

Sentirsi sospesi su una nuvola sopra una distesa blu. Succede in quest’isola greca, diversa da tutte le altre. Cinque cose da fare in appena due giorni, movida a parte. Ma c’è anche quella.

Continua a leggere

Hiroshima ieri e oggi

Una città che è rinata, ma non ha dimenticato.

Continua a leggere

Una notte nelle antiche case di Shirakawa-go

Perché dormire nelle gassho zukuri, patrimonio dell’umanità Unesco. Sembrano uscite da una fiaba ma raccontano di una dura vita fra le montagne

Continua a leggere

Tokyo: un caffè e un cocktail ad Azabu

Due bevute indimenticabili. Alla scoperta di due locali di un quartiere che sulle guide spesso nemmeno c’è, ma anche di due giramondo che dopo anni in viaggio hanno scoperto che potevano realizzare il loro sogno vicino a casa.
Continua a leggere

Viaggio in Grecia: Epidauro e Corinto

Perché in Grecia non ci sono solo le isole. Secondo capitolo del viaggio in Grecia continentale, nel Peloponneso: per chi si commuove di fronte alle antiche rovine (come me, insomma).

Continua a leggere

Una notte al Monte Koya

Ci si lascia alle spalle le folle di Osaka e si incontrano alberi altissimi, tombe secolari e si dorme (per forza) sul tatami di un tempio. Anche per questi motivi il Koyasan è un posto unico. E meraviglioso

Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 231 follower